mercoledì 30 dicembre 2015

Gli dei non si pensano


Segui il tuo destino,
annaffia le tue piante,
ama le tue rose.
Il resto è l'ombra
di alberi estranei.

La realtà

sempre è di più o di meno
di quello che vogliamo.
Solo noi siamo sempre
uguali a noi stessi.

Dolce è vivere solo.

Grande e nobile è sempre
semplicemente vivere.
Lascia il dolore sulle are
come ex-voto agli dèi.

Guarda da lontano la vita,

senza mai interrogarla.
Essa niente può dirti.
La risposta 
sta al di là degli dèi.

Ma serenamente imita l'Olimpo

dentro il tuo cuore.
Gli dèi sono dèi
perché non si pensano.
(1.7.1916)


Fernando Pessoa,  Una sola moltitudine, v. II, Adelphi, 1984)



lunedì 28 dicembre 2015

Leggere a Natale


"Vedete, devo dire che c'è una tradizione a Mårbacka, 

che quando si va a dormire la Vigilia di Natale si 


ha il permesso di avvicinare un tavolino al letto, metterci sopra una candela, e poi leggere finché si 


vuole. 


Questa è la più grande di tutte le gioie di Natale. Non c'è niente di più bello che starsene lì sdraiati con 


un bel libro avuto in regalo, un libro nuovo che non si è ancora mai visto e che nessun altro in casa 


conosce, e sapere che si può leggere pagina dopo pagina finché si riesce a stare svegli. 


Ma cosa si fa la notte di Natale, se non si sono ricevuti libri?"



 (Selma Lagerlöf, Il libro del Natale, Iperborea 2012)

domenica 27 dicembre 2015

mercoledì 16 dicembre 2015

Storie della buonanotte

«Mentre leggeva a James – come stava facendo – […] , si chiedeva: perché devono crescere, e perdere tutto questo? Perché dovevano andare a scuola? […] E sfiorandogli i capelli con le labbra, pensò: non sarà mai felice com’è adesso. […] Voltò pagina; mancavano poche righe alla fine della favola, quindi l’avrebbe finita anche se era passata l’ora in cui i bambini andavano a letto».

Virginia Woolf, Al faro.

martedì 15 dicembre 2015

Olio bollente


Forse l’olio bollente di una parola / 
mentre i nemici scalano le mura / 
vale un gruppo d’arcieri con l’occhio di falco?


perché, se l’intenzione è buona, la parola viene, la parola tiene. Basta cercarla, con la pazienza di cercare. Dunque, stare sulle cose.

(Roberto Roversi)

lunedì 13 luglio 2015

Leggere e vivere



«Anna Arkad’evna leggeva e capiva, ma non

 provava piacere a leggere e a seguire il riflesso

della vita degli altri. Aveva troppa voglia di 

viverla lei, la vita. Leggeva che l’eroina del 

romanzo vegliava un malato e le veniva voglia di

 camminare in punta di piedi per la camera del 

malato; leggeva che un membro del parlamento 

faceva un discorso e le veniva voglia di 

pronunciare lei quel discorso; leggeva che lady 

Mary inseguiva a cavallo un branco di bestie, 

provocando la cognata e facendo meravigliare 

tutti del suo ardire, e le veniva voglia di far lei 

tutto questo. Non c’era nulla da fare, invece, e 

rigirando il coltellino liscio fra le piccole mani, si 

sforzava di leggere».


Lev Tolstoj, “Anna Karenina”

mercoledì 3 giugno 2015

Il processo didattico

"Mi chiamo Gerasim e quando ero piccolo le cose le chiedevo a Paterlini. Potevo chiederle ai genitori, e ogni tanto lo facevo, ma le risposte avevano la visuale corta, si tenevano per cosí dire a riva, sul terreno della didattica. Perché i padri e le madri – tutti i padri e tutte le madri in generale ma anche i fratelli maggiori, i professori, i parroci, i dottori di base e altre figure di riferimento piú moderne e metropolitane come gli psicologi dinamici o i fitness trainer, i maestri tibetani, gli architetti organici, i visual designer eccetera – soffrono il travaglio del processo didattico, che è un processo delicatissimo con tutta una sua metodologia che non si può mettere in discussione perché frutto di secoli e secoli di ricerche nel mescolarsi degli evi e degli stadi antropogeologici delle culture, delle epoche, delle dominazioni e via discorrendo. Quello che voglio dire è che le risposte dei genitori non entravano nel mistero universale".

Paolo Colagrande, Senti le rane, nottetempo 2015

martedì 19 maggio 2015

Neppure i pensieri



Chiudi gli occhi per un attimo, ti giri a guardare qualcos'altro

e la cosa che era dinnanzi a te è sparita all'improvviso. 

Niente dura, vedi, neppure i pensieri dentro di te.

E non devi sprecare tempo a cercarli.

Quando una cosa sparisce, finisce."

Paul Auster, Nel paese delle cose ultime



sabato 2 maggio 2015

Queen of the May

Alfred, Lord Tennyson (1809–1892)

You  must wake and call me earlym call me early, mother dear;
Tomorrow 'll be the happiest time of all the glad new year,
of all the glad new year, mother, the maddest, merriest day;
For I'm to be Queen o' the May, mother, I'm to be Queen o' the May.

sabato 18 aprile 2015

A mia madre



Per questo non illuderti, madre,
di trascinarmi
con te.
Me ne sono andato
molto prima di te.
Lontana come la luna vicina
ti guardo sul prato
quadrato, all'imbrunire,
nel cortile
devo ancora dire:
io esco.

Antonio Porta

sabato 28 marzo 2015

Tomas Transtomer, nobel 2011


Marzo ’79
Stanco di tutto ciò che viene dalle parole, 

parole non linguaggio,

Mi recai sull’isola innevata.

Non ha parole la natura selvaggia.

Le sue pagine non scritte si estendono in 

ogni direzione.

Mi imbatto nelle orme di un cerbiatto.

Linguaggio non parole.

(traduzione Franco Buffoni)

venerdì 6 febbraio 2015

venerdì 30 gennaio 2015

domenica 25 gennaio 2015

Esercizio

Alice rise: 

«È inutile che io ci provi», disse ancora: «non si può credere ad una 


cosa impossibile.» 


«Oserei dire che non ti sei allenata molto», ribattè la Regina. 


«Quando ero giovane, mi esercitavo sempre mezz'ora al giorno. 


A volte riuscivo a credere anche a SEI cose impossibili


 prima di colazione.»


(Lewis Carroll )

domenica 4 gennaio 2015

Billy Collins

2

«le parole sono cibo gettato/ a terra perchè altre parole lo mangino.» “Workshop”



 «E a volte compare qualcuno alla finestra/ che mi guarda mentre faccio lezione alla carta da parati,/ interrogo il lampadario, rimprovero l’aria»                                                                                                                                      "Schoolville"